News del 08/08/2018
Caporalato: Cgil e Flai di Abruzzo e Molise alla protesta di Foggia
Si allunga la scia di sangue mentre nei campi dilaga lo sfruttamento
Caporalato: Cgil e Flai di Abruzzo e Molise alla protesta di Foggia

"In meno di quarantotto ore 16 giovani lavoratori immigrati hanno perso la vita al rientro da una durissima giornata di lavoro in drammatici incidenti stradali sulle strade della Capitanata, nel foggiano. E tuttavia non è consentito parlare di tragiche fatalità perché questi incidenti sono il frutto delle condizioni di grave sfruttamento che vivono i braccianti impiegati nelle campagne di raccolta dei prodotti agricoli".
E' per questi motivi che oggi pomeriggio anche la Cgil e la Flai Cgil di Abruzzo e Molise partecipano alla manifestazione che la Flai Cgil ha indetto con Fai Cisl e Uila Uil nazionali (concentramento al piazzale della stazione alle ore 18, quindi il corteo fino a piazza Battisti seguito dagli interventi di chiusura), congiuntamente alle associazioni della Capitanata che operano a vario titolo sul tema dei diritti in agricoltura.

"Diciamo BASTA alle morti sul lavoro in agricoltura - scrivono Cgil e Flai abruzzesi e molisane - allo sfruttamento, al caporalato nelle compagne del sud e del nord Italia, alle condizioni disumane di vita e di lavoro che si trovano a vivere quotidianamente i tanti lavoratori dei campi. Chiediamo alle istituzioni preposte di vigilare e dare piena applicazione alla legge 199/2016 (che prevede appunto azioni di contrasto al lavoro irregolare e al caporalato in agricoltura, ndr), per porre in essere le azioni concrete che favoriscano un sistema opportuno di accoglienza, di incontro pubblico tra domanda e offerta di lavoro, di trasporto, per contrastare il caporalato e l'illegalità".


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it