News del 26/04/2017
L'Abruzzo in piazza per difendere welfare e diritto alla salute
Manifestazione regionale a Pescara. Troppi tagli alle risorse e ai servizi, da eliminare sono invece sprechi e superticket
L'Abruzzo in piazza per difendere welfare e diritto alla salute

Il 29 aprile i sindacati manifesteranno in piazza Alessandrini a Pescara, dalle ore 9,30 alle 13, per difendere il diritto alla salute dei cittadini abruzzesi.

Nonostante le carenze del sistema sanitario e sociale in Abruzzo, governo e Regioni hanno deciso di tagliare ulteriori risorse al Fondo Sanitario Nazionale e al Fondo per le Politiche Sociali e della Non Autosufficienza. In Abruzzo oltre 15.000 famiglie sono scese al di sotto della soglia di povertà, aumentano coloro che rinunciano alle cure sanitarie, le politiche sociali sono carenti, importanti leggi regionali sul welfare non sono finanziate o lo stanziamento previsto è assolutamente carente (invecchiamento attivo, disabilità, barriere architettoniche, cure a domicilio, ecc.).

Nonostante ciò nella Regione Abruzzo i tagli sulle politiche sociali ammontano a 50 milioni di euro, si taglia il fondo sulla non autosufficienza, quello sui libri di testo, sull'edilizia scolastica, sul trasporto e la cura dei disabili. Sulla sanità i tagli riguardano le assunzioni di personale nelle Asl, sono bloccati gli investimenti sulla sanità territoriale, sui centri per la salute mentale, si fa poco per la cura delle malattie cronico-degenerative. Cgil, Cisl, Uil vogliono una sanità territoriale più efficiente e chiedono di sbloccare le assunzioni di personale nelle Asl, di eliminare il superticket sulle ricette, di tagliare gli sprechi e investire sui servizi sanitari e sociali.

 

Cgil  Cisl  Uil         Spi  Fnp  Uilp         Fp Cgil  Fp Cisl  Fp Uil    Abruzzo


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it