News del 10/01/2018
Trasporti, ancora sulla carta gli impegni della Regione
La nota della Filt Abruzzo e i ritardi che pesano su lavoratori e cittadini
Trasporti, ancora sulla carta gli impegni della Regione

Abbiamo atteso pazientemente e diligentemente la fine dell'anno, auspicando fino all'ultimo giorno di dicembre che gli impegni assunti formalmente lo scorso 8 maggio dalla Regione Abruzzo con quattro organizzazioni sindacali regionali di categoria non avrebbero rappresentato l'ennesimo bluff di una Regione che in tema di trasporti in questi anni ne ha collezionati davvero tanti.
Nel garantire che come Filt Cgil Abruzzo torneremo a più riprese proprio su queste, tante promesse disattese dall'attuale governo regionale in tema di trasporti, vogliamo tuttavia partire e quindi soffermarci proprio sui contenuti (nei fatti totalmente disattesi) dell'accordo regionale sottoscritto nei primi giorni di maggio con il consigliere regionale con delega ai trasporti Camillo D'Alessandro, in conseguenza del quale, peraltro, la Filt Cgil Abruzzo, unitamente ad altre organizzazioni sindacali regionali confederali, revocò un'azione di sciopero indetta per contestare la politica regionale sui trasporti.
Pur volendo sorvolare sul fatto che un rappresentante delle istituzioni, e in questo caso della Regione Abruzzo, si sia preso gioco di alcuni rappresentanti delle forze sociali che proprio in questo settore hanno dato ampia dimostrazione di serietà e responsabilità in ogni circostanza in cui si è trattato di dover onorare impegni formalmente assunti, ciò che invece non è assolutamente ammissibile è che lo stesso rappresentante istituzionale abbia palesemente disatteso impegni che avrebbero determinato, se regolarmente onorati, importanti riflessi sulla qualità e sulla quantità dei servizi di trasporto da offrire ai cittadini abruzzesi.
Il richiamato accordo dell'8 maggio, oggetto peraltro, da parte della Filt Cgil Abruzzo, di un'esplicita richiesta di esigibilità (anch'essa puntualmente ignorata) inoltrata lo scorso 14 dicembre all'attenzione dello stesso consigliere D'Alessandro ma anche del governatore D'Alfonso e del direttore generale Rivera, verteva su cinque argomenti su ognuno dei quali si erano determinati e condivisi, in tempi circostanziati, precisi impegni da parte della Regione.


Risorse

 

Nello specifico, per quanto attiene il tema delle risorse era stato concordato che la Regione Abruzzo avrebbe assicurato, a partire dal 2018, finanziamenti strutturali da destinare al Fondo unico regionale dei trasporti, prevedendo un ulteriore importo variabile tra i 3 e i 5 milioni di euro rispetto allo stanziamento originariamente assegnato per l'anno 2017 pari a 45.227.000 euro. Il bilancio preventivo approvato a fine anno ha invece congelato e confermato per l'anno 2018 lo stanziamento di 45.227.000 euro, senza pertanto alcuna variazione che includesse l'importo aggiuntivo (tra i 3 e i 5 milioni) definito dall'accordo con i sindacati. Tale carenza, abbinata alle minori risorse provenienti dal Fondo nazionale dei trasporti, determina un delta negativo di almeno 10 milioni rispetto al 2014, anno di insediamento dell'attuale consiliatura regionale (dati desumibili ufficialmente dalla delibera di giunta regionale 848/c del 28 dicembre 2017) in cui complessivamente, tra risorse regionali e nazionali, l'Abruzzo disponeva di oltre 187 milioni contro gli attuali 177.


Investimenti in materiale rotabile


In considerazione della pessima condizione complessiva in cui versa l'attuale parco autobus adibito ai servizi di trasporto pubblico locale (peraltro anche la vetustà dei convogli ferroviari colloca la nostra regione agli ultimi posti in Italia) erano stati altresì concordati in quell'accordo investimenti in materiale rotabile per un importo di 20 milioni di euro le cui risorse, da spendere entro l'anno 2017, sarebbero dovute essere disponibili entro 90 giorni dalla sottoscrizione dell'accordo (quindi ai primi giorni di agosto) e si sarebbero aggiunte alle ulteriori risorse derivanti dalla ripartizione nazionale prevista dal governo per il rinnovo del parco rotabile. Siamo ad inizio anno e anche questo inverno molti abruzzesi viaggeranno su autobus obsoleti e inadeguati (come desumibile dalle tante rimostranze dei viaggiatori che quotidianamente leggiamo sugli organi di stampa). Inoltre anche per i collegamenti fuori regione l'Abruzzo si è visto costretto a predisporre un'apposita norma salva TUA/SANGRITANA al fine di superare il vincolo dei sette anni di vetustà imposto dalle norme vigenti. Per inciso questa norma, varata lo scorso 21 dicembre dal consiglio regionale, ha portato a 9 anni (anziché 7) il limite di anzianità dei mezzi per poter raggiungere mete extra regionali, con grande amarezza e sconcerto da parte degli autisti e soprattutto degli utenti.


Ripristino accordo regionale del 28 maggio 2004


Inoltre era stato concordato di erogare in un'unica soluzione entro il 31 dicembre 2017, ai lavoratori di aziende pubbliche e private di trasporto locale, quanto espressamente previsto dall'accordo integrativo decentrato del 28 maggio 2004, anch'esso disatteso contestualmente all'insediamento dell'attuale consiliatura regionale.


Realizzazione biglietto unico e sistema tariffario intermodale


Ogni commento è ormai ridicolo e superfluo. Come Filt Cgil Abruzzo saranno almeno vent'anni che rivendichiamo un sistema tariffario unico e intermodale che vada incontro alle esigenze di tutti gli utenti (e non solo di coloro che risiedono in una determinata parte "privilegiata" della regione). Ed è francamente imbarazzante dover constatare che oggi coloro che disattendono questo impegno di civiltà sono gli stessi che qualche anno fa, magari dai banchi dell'opposizione, tuonavano per le stesse nostre ragioni e per tutelare maggiormente i cittadini delle aree interne.


Definizione del Prit (Piano regionale integrato dei trasporti)


Anche su questo tema la Regione si era impegnata alla definizione di una migliore organizzazione territoriale del servizio di trasporto pubblico regionale e locale sia su gomma che su ferro, prevedendo oltre al PRIT la definizione dei servizi minimi, ovvero di quei servizi pubblici di trasporto qualitativamente e quantitativamente sufficienti a soddisfare la domanda di mobilità dei cittadini, nonché il programma triennale dei servizi di trasporto pubblico. Al fotofinish (29 dicembre 2017) è arrivata l'ennesima delibera di giunta regionale (sottoscritta soltanto dal 50% dei componenti della stessa) che ha cercato di mettere una pezza al vuoto normativo che ci trasciniamo da circa un ventennio in tema di definizione dei servizi minimi della nostra Regione ma che negli ultimi anni, con il susseguirsi di pronunciamenti della magistratura amministrativa, ha visto di fatto enfatizzare la grave mancata osservanza, da parte dell'Abruzzo, degli obblighi previsti dal Decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422. Quanto sta accadendo nella Marsica, culminato nei disagi tariffari dei giorni scorsi subìti dai pendolari abruzzesi che si sono visti disconoscere i propri abbonamenti, costituiscono soltanto l'antipasto di quanto probabilmente accadrà di più tragico nel prossimo futuro se la Regione non dovesse ripensare alla necessità di dover soddisfare la domanda di mobilità dei cittadini ipotizzando servizi minimi di dimensione regionale ma anche infraregionale (così come espressamente previsto dall'art.1 comma 2 del citato decreto 422/97).

Sulla delibera del 29 dicembre 2017, che oltre ai servizi minimi introduce anche, in ottica delle gare, il bacino unico di programmazione regionale, due bacini di mobilità (Aq-Te e Pe-Ch), quattro eventuali lotti di gara nonché eventuali affidamenti diretti "sotto soglia", ci riserviamo di formulare un giudizio approfondito e articolato, così come peraltro espressamente previsto dalla norma nazionale e regionale per tutti i portatori di interesse. Quello che possiamo sicuramente anticipare ed affermare è che anche su questa riforma la Regione Abruzzo, al momento, ha completamente disatteso studi e proposte formulate negli anni dalle organizzazioni sindacali al fine di attuare una vera riforma del trasporto pubblico locale della nostra regione.


Franco Rolandi, segretario generale Filt Cgil Abruzzo


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it