Notizia del 26/05/2020
Reddito di emergenza - Come chiederlo?

Il reddito di emergenza (Rem) è una misura rivolta ad un nucleo familiare definito

in povertà secondo un requisito reddituale, mobiliare e un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), che sarà erogato per 2 mensilità

a partire da giugno per le domande presentate entro il 31 maggio, a partire da luglio per le domande presentate entro il 30 giugno.

 

  • Definizione di nucleo familiare.

Il nucleo familiare coincide con quello definito in base ai criteri ISEE alla data di presentazione della DSU. Il nucleo è familiare se sussistono due criteri:

la coabitazione e l'esistenza di vincoli matrimoniali, di parentela, affinità, adozione, fino ad arrivare al singolo vincolo affettivo.

 

  • Quali sono i requisiti?

* Reddito familiare *

Il reddito familiare è riferito, secondo il principio di cassa, al mese di aprile e a ciascun componente il nucleo familiare. Tale reddito deve essere inferiore all'ammontare del Rem stesso.

Come si calcola l'ammontare del Rem?

 

Il Rem varia tra i 400 euro e gli 800 euro. Ad ogni nucleo familiare corrisponde un parametro della scala di equivalenza:

 

- +1 per il richiedente;

- +0,4 per ogni componente maggiorenne;

- +0,2 per ogni componente minorenne.

 

Tale indice è di massimo pari a 2 ovvero a 2,1 se nel nucleo ci sono soggetti in situazione di disabilità grave. L'ammontare del beneficio verrà determinato moltiplicando la base (400 euro) per il relativo indice di equivalenza.

 

* Reddito patrimoniale *

Tale valore deve essere inferiore a una soglia di 10.000 euro, accresciuto di 5.000 euro per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di 20.000 euro. Il massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di componenti con disabilità grave (tale valore è desumibile dall'attestazione Isee).

 

* Valore Isee *

Tale indicatore deve risultare inferiore a 15.000 euro secondo quello Ordinario, Corrente o ISEE minorenni (quando vi sono nel nucleo soggetti minorenni).

 

  • Chi sono esclusi dal Rem?

  • I titolari di pensione diretta o indiretta e di rapporto di lavoro dipendente;

  • I percettori di Rdc;

  • I percettori di contributi previsti dal Decreto “Cura Italia”;

  • Chi è in carcere o in stato detentivo;

  • I ricoverati in istituti di cura di lunga degenza a totale carico dello Stato o di altra amministrazione pubblica.

 

Per qualsiasi informazione contatta le nostre sedi Patronato Inca via mail o telefonicamente consultando il sito www.abruzzo.cgil.it


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it